sabato 15 novembre 2014

L'uomo di Schrödinger - 07

Quelli che vedete qui a fianco sono i primi esemplari usciti dalla tipografia de L'uomo di Schrödinger, quelle che in gergo si chiamano "copie staffetta", ovvero le primissime copie a stampa del romanzo prima che inizi la distribuzione vera e propria e che il libro diventi a disposizione dei lettori in libreria.
Ieri sera ho ricevuto direttamente dalla Verbavolant Edizioni questa foto e sono rimasto qualche minuto a osservare in silenzio. A godermi la sensazione.
La verità è che non sapevo cosa pensare. Vedevo condensati in un'oggetto di carta tre anni circa di lavoro e le ore trascorse a pensare, immaginare, fantasticare, scrivere, riscrivere, correggere mi sono passate davanti tutte. Una per una. 
Ho pensato che si trattava di tempo sottratto a cose forse più importanti e mi sono vergognato come un ladro, per un momento. Questo non è un romanzo, ma un corpo del reato, pensavo. La prova tangibile di esser venuto meno ai doveri dell'essere adulto che questa realtà mi impone. 
Poi invece mi sono reso conto che questo libro incarna la mia ostinazione a immaginare quello che ancora non esiste. A fantasticare come farebbe un bambino. A rifiutare la realtà. Questa realtà gretta e meschina. Questa realtà che mi fa schifo. 
E no, questo libro ancor più dei precedenti non è frutto della forza di volontà, ma della voglia di fare un dispetto. Poiché non c'è peggior cattivo di un buono che diventa cattivo. 
E ora, a dispetto di tutto, eccovi L'uomo di SchrödingerParola delle nostre parole. Storia delle nostre storie. Offerte in dono per voi. Prendetene e leggetene tutti e sarete liberi almeno per qualche ora da questa maledetta realtà. Ci aggiorneremo presto. Ne vedremo delle belle.

2 commenti:

franco battaglia ha detto...

Ti trovo a Più libri più liberi a dicembre?!? Stand Verba Volant o presenti in qualche sala? Facci sapere.. ;)

GiovanniMarchese ha detto...

Il libro ci sarà sicuramente... a breve altri dettagli.